Hai 30 anni, vivi con i tuoi e spendi, da sempre, la paghetta in videogiochi e periferiche. Inoltre: sei vergine e indossi con orgoglio la maglietta vintage della Atari (tip of the day: le due cose sono collegate). C’è una bella notizia per te. No, purtroppo niente donne, ma potresti diventare una superstar come gli sportivi professionisti. Ti presento gli eSports, ovvero gli sport elettronici, ovvero i videogames portati ad un altissimo livello.

Molto semplicemente gli eSports consistono in campionati di videogames, spesso a squadre, giocati su piattaforme comuni e non online bensì in convention e incontri reali tra i vari competitor. L’innovazione non sta quanto in “cosa”, quindi, perché a videogiochi come FIFA ci abbiamo giocato un po’ tutti, e neanche nel fatto che siano, di fatto, gare di videogames (Atari nel 1980 organizzò un torneo di Space Invaders), ma “come”: classifiche (qui quella globale), eventi, premiazioni, sponsors e, soprattutto, soldi. MOLTI soldi

Nell’immagine in alto puoi farti una vaga idea di quanto pubblico attraggano queste manifestazioni. E gli analisti, tra i quali Deloitte Global, prevedono per gli eSports un hype mediatico dieci volte superiore a quello che ci fu per il Texas Hold’em Poker un lustro fa.

Le prime superstar degli esports chiamate a fare da testimonial…

Come iniziare a fare eSports

Un dato per motivarti: un videogiocatore professionista può arrivare a guadagnare, solo di premi e senza contare sponsorizzazioni, fino a 200.000 $ all’anno. Guadagni che, per i migliori, sono destinati ad aumentare vertiginosamente nei prossimi anni con il previsto allargarsi del fenomeno su scala globale.

Innanzitutto devi essere bravo ai videogiochi e non soffrire di narcolessia. Sì, perché per iniziare a farti un nome sarai chiamato ad estenuanti sedute di gioco che possono durare anche 12 o 24 ore. Il primo consiglio, quasi scontato, è di specializzarti in un solo gioco. Potrà essere FIFA 15, Battlefield, Call of Duty (questi i giochi con maggior seguito e ca$h), ma mantieni il focus su uno solo. E’ praticamente impossibile primeggiare in due giochi diversi tra loro. Perché non dovrai essere solo bravissimo: dovrai essere imbattibile

Il tuo inizio, per forza di cosa, sarà online in multiplayer. La tua gavetta, in attesa che ti si presenti l’occasione di giocare dal vivo. Non arrenderti, prima di emergere potrebbero passare anche due anni.

Non dimenticare che anche la tua strumentazione dovrà essere all’altezza. Se sei già un videogamer sai bene l’importanza di una scheda video adeguata, joystick o joypad di prima fascia e, soprattutto, una connessione ad internet superveloce. Nei tornei il SO più usato è Windows. 

Scommettere sugli eSports

Ok non sei un nerd e, come me, scommetteresti anche sul colore delle mutande di tua nonna. Non preoccuparti, il fenomeno ha assunto proporzioni tali che anche i bookmaker, uno dei quali è proprio William Hill, hanno adocchiato la nicchia degli sport elettronici consentendo ai propri giocatori di scommettere sull’esito degli incontri virtuali tra i vari team sparsi in tutto il mondo. Personalmente non mi ci sono ancora cimentato, ma potrebbe essere un’ottima alternativa alle tanti amichevoli mangiasoldi che si giocano in estate. 

Ora, se uno non si intende di videogiochi, è chiaro che non saprebbe dove iniziare pure per scommetterci sopra. Nessun problema perché esattamente come per gli sport tradizionali stanno nascendo tutta una serie di portali dedicati agli eSports in tutto e per tutto simili ai siti di scommesse, con analisi, pronostici, quote, guide pratiche per iniziare a scommettere.

Il mio consiglio, come sempre, è di non rovinarsi perdendo centinaia di euro per giocare su una materia che non si padroneggia al 100%. Ci si può dare una possibilità, ma prima è fondamentale informarsi, leggere, studiare. Per uno scommettitore gli eSports possono essere un’ottima alternativa quando i palinsesti non sono ricchi di eventi ma essendo ancora il tutto relativamente nuovo è anche molto facile perderci.

 

eSports: ovvero la rivincita dei nerd

Category: Sportsbook
0